GIORNATA DELLA BIODIVERSITA' / DAN BIODIVERZITETE

Venerdì, 21 Settembre 2012 17:06

Una guida alle piante legnose del Parco Fluviale del Noncello (Pordenone) – Versione annotata

Vota
(2 preferenze)

Pier Luigi Nimis, Francesca del Santo, Roberto Petracco - Foto di Andrea Moro -

La città di Pordenone vanta uno dei più alti rapporti tra aree verdi e popolazione residente d'Italia. Tra queste, di particolare importanza sono le aree verdi circostanti il fiume Noncello, che attraversa la città. Il Noncello (Nunciel in friulano standard, Nunsiel in friulano occidentale) è un fiume compreso interamente nella provincia di Pordenone, anticamente noto come 'Naone'. Probabilmente il toponimo attuale era in origine riferito a uno dei suoi rami (a sua volta diminutivo del fiume principale). Il Noncello nasce presso Cordenons e attraversa Pordenone, prima percorrendo a sud l'antico quartiere di Torre, e poi lasciando sulla destra il centro storico della città, la quale deve il proprio sviluppo al traffico fluviale che la collegava al mare Adriatico, e dunque con Venezia, attraverso il percorso Noncello-Meduna-Livenza (il toponimo della città deriva proprio da Portus Naonis 'Porto sul Naone'). Il Noncello confluisce infine nel Meduna nei pressi di Visinale, con un percorso di 15.8 km, ed ha il carattere tipico del fiume di risorgiva, essendo generato dalla confluenza di brevi rogge alimentate da gruppi di olle sorgive. Il fiume cittadino è ancora oggi utilizzato per la navigazione fluviale e da diporto, e può essere navigato fino al mare seguendo l'idrovia che prosegue lungo i fiumi Meduna e Livenza. Il Parco Fluviale del Noncello è disteso al centro dell'abitato della Pordenone moderna e fa parte contestuale del centro, ospitando una ricca biodiversità vegetale (Martini & Poldini 1980, Martini 2008).

Questa guida interattiva alle piante legnose presenti nel Parco del Noncello (comprese alcune specie coltivate o sfuggite alla coltivazione) è stata richiesta al Dipartimento di Scienze della Vita dell'Università di Trieste da un gruppo di cittadini pordenonesi, la maggior parte dei quali insegnanti, il cui scopo è la protezione e promozione del Parco Fluviale del Noncello. La guida, sviluppata da un sistema informativo creato presso l'Università di Trieste (Nimis & Martellos 2009) servirà a promuovere la conoscenza del ricco patrimonio di biodiversità della città di Pordenone, non solo da parte degli studenti nelle scuole, ma di tutta la cittadinanza.

La guida è stata realizzata in collaborazione tra il Comune di Pordenone ed il Progetto SiiT, coordinato dal Dipartimento di Scienze della Vita dell'Università di Trieste, nell'ambito dell'iniziativa 'Verde Pubblico', che mira a valorizzare le aree verdi comunali creando strumenti interattivi di facile consultazione per avvicinare i cittadini alla conoscenza della 'foresta urbana' e soprattutto per fornire alle scuole uno strumento che permetta loro di utilizzare le aree verdi comunali come veri e propri 'laboratori all'aperto' in cui svolgere attività didattiche centrate sull'identificazione delle piante. Il progetto SiiT (Strumenti interattivi per l'identificazione della biodiversità: un progetto educativo in un'area transfrontaliera) è finanziato nell'ambito del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dai fondi nazionali.

Bibliografia

MARTINI F. 2008. La flora vascolare spontanea di Pordenone. Mus. Civ. Storia Nat. Pordenone. Comune di Pordenone Editore.280 pp.

MARTINI F., POLDINI L., 1980. Il paesaggio vegetale del fiume Noncello nell'area urbana di Pordenone. Gortania, 2: 123-156.

NIMIS P.L., MARTELLOS, S., 2009. Computer-aided Tools for Identifying Organisms and their Importance for Protected Areas - Journal of Eco.Mont 1(2): 55-60.

Read 3095 times Last modified on Domenica, 23 Dicembre 2012 13:21

Novità

Partner / Projektni partnerji

Università di Trieste, Dip. di Scienze della Vita (Lead Partner), Prirodoslovni Muzej Slovenije, Ljubljana, Univerza na Primorskem -Università del Litorale  Koper/Capodistria, Università di Padova, Dip. di Biologia, Zavod Republike Slovenije za šolstvo Ljubljana, Comune di San Dorligo della Valle - Občina Dolina, Consorzio del Parco Regionale del Delta del Po Emilia Romagna, Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente del Friuli Venezia Giulia (ARPA - FVG), Gruppo di Azione Locale Venezia Orientale (GAL Venezia Orientale - VEGAL), Triglavski Narodni Park, Univerza v Novi Gorici

 

Progetto Strumenti interattivi per l’identificazione della biodiversità: un progetto educativo in un’area transfrontaliera (SiiT): finanziato nell’ambito del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dai fondi nazionali.

Projekt Interaktivna določevalna orodja za šole (SIIT): spoznavanje biotske pestrosti na čezmejnem območju sofinancirana v okviru Programa čezmejnega sodelovanja Slovenija-Italija 2007-2013 iz sredstev Evropskega sklada za regionalni razvoj in nacionalnih sredstev.



© Copyright 2011 SiiT.
All rights reseverd.