GIORNATA DELLA BIODIVERSITA' / DAN BIODIVERZITETE

Martedì, 21 Febbraio 2012 18:21

Caccia al tesoro botanica in Val Rosandra

Vota
(4 preferenze)

Autori: Pier Luigi Nimis, Rodolfo Riccamboni, Elena Pittao – Foto di Andrea Moro – Sviluppatore: Divulgando Srl -

Questa piccola guida interattiva è uno strumento didattico creato per organizzare una “Caccia al Tesoro” botanica nella Riserva Naturale della Val Rosandra presso Trieste, dedicata a bambini delle scuole elementari. La guida è disponibile anche su palmari e smartphone, il che permette di organizzare l’attività direttamente in campo.
L’attività si svolge in diverse fasi:
1 - Fase preliminare: prima dell’uscita gli insegnanti illlustrano ai bambini come si svolgerà l’uscita, spiegando alcuni concetti fondamentali di botanica di base.
2 - I bambini si recano all'inizio del sentiero che si immette nella Val Rosandra e vengono suddivisi in gruppi di 3-4. La spiegazione sull'uso dei palmari avviene identificando tutti assieme una pianta. Ogni gruppo ha a disposizione un palmare con la chiave ed una mappa del sito ove sono segnalati con dei simboli colorati gli alberi da identificare.
3 - La caccia al tesoro. Ogni gruppo di bambini ha circa mezz’ora di tempo per cercare e determinare le 10 piante presenti sulla mappa, designate in campo con un cartello numerato e colorato. Quando un gruppo trova una pianta e pensa di essere riuscito a determinarla corre dall’insegnante che ha una tabella con numero e nome corrispondente. Se i bambini hanno fatto centro, il gruppo può proseguire la “caccia”, altrimenti deve tornare indietro, per capire dove sta l'errore.
4 - Dopo mezz'ora, tutti i gruppi si recano dall'insegnante, che annuncia chi ha vinto, calcolando il numero di piante determinate, il tempo impiegato per determinarle ed il numero di errori.
5 - Alla fine c'è una passeggiata in Val Rosandra, per osservare altre piante.
La “Caccia al Tesoro” botanica, inizialmente sviluppata presso l’Orto Botanico Universitario di Trieste, è attualmente attivata in altri Orti Botanici europei, come esperienza ludico-didattica che consente ai bambini di imparare divertendosi.

La versione online è consultabile qui. http://dbiodbs.units.it/carso/chiavi_pub21?sc=474

AGGIORNAMENTO

Il sito in cui si sarebbe dovuta svolgere la ‘Caccia al Tesoro’ una vegetazione ripariale ad ontano, ambiente prioritario a livello europeo in piena Riserva Naturale, sito SIC e Natura2000, è stato sconsideratamente distrutto da un intervento di ‘ripulitura dell’alveo’ organizzato dalla Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia nel marzo 2012 (vedi foto). La nostra guida non può quindi venire più utilizzata per gli scopi previsti. Manteniamo il link come ricordo di uno dei peggiori scempi ambientali perpetrati nel Carso Triestino.

vrprima

Il sito della 'Caccia al tesoro' prima dell'intervento (Foto di Rodolfo Riccamboni)

vrdopo

Il sito della 'Caccia al tesoro' dopo l' intervento (Foto di Rodolfo Riccamboni)

Read 4600 times Last modified on Domenica, 23 Dicembre 2012 18:00

Novità

Partner / Projektni partnerji

Università di Trieste, Dip. di Scienze della Vita (Lead Partner), Prirodoslovni Muzej Slovenije, Ljubljana, Univerza na Primorskem -Università del Litorale  Koper/Capodistria, Università di Padova, Dip. di Biologia, Zavod Republike Slovenije za šolstvo Ljubljana, Comune di San Dorligo della Valle - Občina Dolina, Consorzio del Parco Regionale del Delta del Po Emilia Romagna, Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente del Friuli Venezia Giulia (ARPA - FVG), Gruppo di Azione Locale Venezia Orientale (GAL Venezia Orientale - VEGAL), Triglavski Narodni Park, Univerza v Novi Gorici

 

Progetto Strumenti interattivi per l’identificazione della biodiversità: un progetto educativo in un’area transfrontaliera (SiiT): finanziato nell’ambito del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dai fondi nazionali.

Projekt Interaktivna določevalna orodja za šole (SIIT): spoznavanje biotske pestrosti na čezmejnem območju sofinancirana v okviru Programa čezmejnega sodelovanja Slovenija-Italija 2007-2013 iz sredstev Evropskega sklada za regionalni razvoj in nacionalnih sredstev.



© Copyright 2011 SiiT.
All rights reseverd.