GIORNATA DELLA BIODIVERSITA' / DAN BIODIVERZITETE

Lunedì, 27 Febbraio 2012 10:50

Guida alle piante palustri del Parco delle Alpi Apuane – Versione annotata

Vota
(4 preferenze)

Autori: Pier Luigi Nimis, Antonio Bartelletti, Emanuele Guazzi - Foto di Andrea Moro -

Con il termine di ‘zone umide’ la convenzione di Ramsar indica: ‘paludi, torbiere, acquitrini o comunque specchi d'acqua naturali o artificiali, permanenti e no, con acqua dolce, salmastra o salata, ferma o corrente’. Questi ecosistemi ospitano una flora specializzata di grande interesse ecologico o fitogeografico. La Toscana conserva ancora diverse aree palustri anche se piccole, nonostante i massicci interventi di bonifica. Nelle Alpi Apuane esse sono poco frequenti, a causa della prevalenza di substrati calcarei molto permeabili che non consentono ristagni significativi di acqua; non mancano però alcuni esempi di aree umide, oggi divenute delicatissime, che conservano piante divenute rare, vunerabili o minacciate. Il Padule di Fociomboli è la zona umida più conosciuta ed estesa, occupando per circa un ettaro un ripiano ellittico che era il letto di una conca würmiana ben conservata nelle tipiche forme; la flora è ricca di specie, tra cui tre rare orchidee, Dactylorhiza incarnata, Epipactis palustris ed il relitto glaciale Herminium monorchis, presente in Appennino nella sola stazione di Fociomboli. Nei pressi del Monte Tontorone, una piccola area umida ospita l’unica stazione apuana di Menyanthes trifoliata; la piccola zona umida di Gorfigliano in Garfagnana ospita una cospicua popolazione della rara Epipactis palustris; vanno ricodate anche le aree di Puntato e di Foce di Mosceta, nel Retrocorchia, e due aree palustri ormai allo stato quasi residuale nel M. Palodina. Nel Parco si possono osservare specie palustri anche in altre piccole aree, legate a sorgenti, stillicidi, fossi, ecc., come l’esile Anagallis tenella, Osmunda regalis, e briofite del genere Sphagnum, presenti in quasi 20 stazioni.

Sulla base di dati bibliografici e rilevamenti diretti sono state selezionate 123 specie legate a luoghi umidi presenti nel Parco. La guida vuole avvicinare l’escursionista e l’appassionato ad una maggiore conoscenza delle piante palustri e renderlo sempre più consapevole del loro valore e della necessità della loro conservazione. La guida è stata realizzata in collaborazione con il Progetto Dryades, coordinato dal Dipartimento di Scienze della Vita dell'Università di Trieste, nell’ambito del Progetto di conservazione e valorizzazione della biodiversità nelle aree umide dei tre parchi regionali della Toscana, finanziato dal Ministero dell’Ambiente (Progettualità CIPE 19/2004).

BIBLIOGRAFIA

Bartelletti A., Guazzi E. (2002) – Il genere Eriophorum L. nelle Alpi Apuane. Mus. Reg. Sc. Nat. Torino (2003), 197-206.

Bartelletti A., Guazzi E., Amorfini A. (2002) – Aspetti geomorfologici, floristici e vegetazionali di un’area umida nel Piano di Gorfigliano (Minucciano – Garfagnana), Acta Apuana, I, 35-42.

Del Prete C., Tomaselli M. (1981) – Note sulla flora e vegetazione della torbiera 'I Paduli' presso Fociomboli (Alpi Apuane), Atti Soc. Toscana Sc. Nat., Mem., ser. B, 87, 343-358.

Ferrarini E. (2000) – Prodromo alla flora della regione apuana, parte terza (Compositae-Orchidaceae). Studi e documenti di Lunigiana, XIII, Acc. Lunig. Sc., pp. 275-406.

Gerdol R., Tomaselli M. (1987) – Mire vegetation in the Apuanian Alps, Folia Geobot. Phytotaxon., 22, 25-33.

Pacifico G., Bertozzi G., De Angeli E. (1996) – Orchidaceae nuove o rare per la regione apuana (Toscana), Atti del Convegno 'Orto Botanico laboratorio di natura e cultura ambientale', Massa, 8-9 giugno 1996, Atti della Soc. Tosc. Sc. Nat., Mem., ser. B, 103, 43-47.

Tomei P.E., Guazzi E. (1993) – Le zone umide della Toscana. Lista generale delle entità vegetali, Atti Mus. Civ. St. Nat. Grosseto, 40, 107-152.

Tomei P. E., Guazzi E., Kugler P. C. (2001) – Le zone umide della Toscana. Indagini sulle componenti floristiche e vegetazionali, Reg. Toscana, Firenze, 1-167.

Read 4342 times Last modified on Domenica, 23 Dicembre 2012 13:41

Novità

Partner / Projektni partnerji

Università di Trieste, Dip. di Scienze della Vita (Lead Partner), Prirodoslovni Muzej Slovenije, Ljubljana, Univerza na Primorskem -Università del Litorale  Koper/Capodistria, Università di Padova, Dip. di Biologia, Zavod Republike Slovenije za šolstvo Ljubljana, Comune di San Dorligo della Valle - Občina Dolina, Consorzio del Parco Regionale del Delta del Po Emilia Romagna, Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente del Friuli Venezia Giulia (ARPA - FVG), Gruppo di Azione Locale Venezia Orientale (GAL Venezia Orientale - VEGAL), Triglavski Narodni Park, Univerza v Novi Gorici

 

Progetto Strumenti interattivi per l’identificazione della biodiversità: un progetto educativo in un’area transfrontaliera (SiiT): finanziato nell’ambito del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dai fondi nazionali.

Projekt Interaktivna določevalna orodja za šole (SIIT): spoznavanje biotske pestrosti na čezmejnem območju sofinancirana v okviru Programa čezmejnega sodelovanja Slovenija-Italija 2007-2013 iz sredstev Evropskega sklada za regionalni razvoj in nacionalnih sredstev.



© Copyright 2011 SiiT.
All rights reseverd.