GIORNATA DELLA BIODIVERSITA' / DAN BIODIVERZITETE

Authors: Pier Luigi Nimis, Andrea Moro, Stefano Martellos

This is an interactive flora of the southern portion of the Carnic Alps (Ampezzo-Sauris, Province of Udine, NE Italy), which includes 1,244 infrageneric taxa of vascular plants. The study area, centered on the Valley of Sauris, includes the whole valley of river Lumiei and extends from the valley of the Tagliamento river near Ampezzo Carnico in the Province of Udine to Mt. Tiarfin in the province of Belluno. The Valley of Sauris, the bottom of which is now occupied by an artificial lake, is closed to the north and to the east by mountains which are higher than 2,000 m (Mt. Pieltinis , Mt. Tarondon, Mt. Novarza , Mt. Col Gentile ), consisting of powerful layers of Werfen sandstones. To the southwest it is limited by the highest peaks, which reach 2,400 m (Mt. Bivera, Mt. Clapsavon , Mt. Tiarfin ) and consist of limestone and dolomite of the Anisic and Ladinian periods. Recent sediments occupy the valley floors at Ampezzo. A comprehensive description of the territory is in AA.VV: (1983), to which we refer for further details. The first floristic reports from the survey area date back to Gortani (1906 Vol II). Pignatti & Pignatti (1968) provided a first sketch of the flora and vegetation. The first full checklist ( Pignatti & Poldini, 1969), included 664 infrageneric taxa , which soon rose to 997 in the Chorological Atlas by Poldini (1991) and to more than 1,000 in its second edition (Poldini 2002).
Every year, this guide is being tested by students of the University of Trieste at the Center for Alpine Botanical Studies in Passo Pura ( Ampezzo ). The first version was published by Nimis & Martellos (2005); this is the English translation of the seventh version in Italian, published both online (August 2013) and in book form (Nimis et al., 2013). The English version was mainly prepared in order to be used by students of the University of Manchester, during a summer course at Passo Pura in July 2014.
The breakdown in Families follows Angiosperm Phylogeny Group III (APG 2009).
The guide has been prepared in the framework of Project SiiT (Interactive Tools for Identifying Biodiversity: an educational project in transborder area), funded under the Cooperation Programme Italy-Slovenia 2007-2013 by the European Regional Development Fund and by national funds.

Literature

AA.VV. (1983). Ambiente e Cultura di una montagna carnica. Il Tinisa. Ed. Lint, Trieste, 195 pp.
APG (2009). An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG III. Bot. J. Linn. Soc. 161(2): 105-121.
GORTANI L., GORTANI M. (1905-1906). Flora Friulana con speciale riguardo alla Carnia. Udine.
NIMIS P.L., MARTELLOS S. (2005). Guide alla Flora I - Le Guide di Dryades, 2. Ed. Goliardiche, Trieste, 380 pp.
NIMIS P.L., MORO A., MARTELLOS S. (2013). Guida alla flora delle Alpi Carniche meridionali (Ampezzo-Sauris). EUT, Trieste, ISBN 978-88-8303-487-9
PIGNATTI E., PIGNATTI S. (1968). Botanische Wanderungen in den Karnischen Alpen. Sauris, eine deutsche Sprachinsel. Ver z. Sch. d. Alpenpflanzen u.Tiere, 33: 90-99.
PIGNATTI S., POLDINI L. (1969). Florula della Conca di Sauris (Alpi Carniche). Boll. Soc. Adr. Sc. Trieste, 57: 66-93.
POLDINI L. (1991). Atlante corologico delle piante vascolari nel Friuli-Venezia Giulia. Reg. Aut. Friuli V.G., Udine, 900 pp.

Published in Applicazioni iPhone

Autori: Pier Luigi Nimis, Rizzieri Masin, Corrado Tietto, Sebastiano Andreatta, Antonella Miola, Mariacristina Villani, Stefano Martellos - Foto di Andrea Moro – Sviluppatore: Rodolfo Riccamboni, Divulgando srl. -

I Colli Euganei ospitano una flora notoriamente ricca e interessante, che ha attirato l’attenzione dei botanici sin dagli albori di questa disciplina. Questa è una guida all’identificazione delle specie legnose (alberi, arbusti e liane) presenti nel comprensorio dei Colli Euganei allo stato spontaneo, sia quelle autoctone sia quelle a carattere avventizio, per un totale di 214 entità. La lista delle piante incluse nella guida si basa sulla prima checklist moderna delle piante vascolari dei Colli Euganei (Masin & Tietto 2005) e sulle sue successive integrazioni (Masin & Tietto 2005; Antonucci & al. 2007; Guiggi & al. 2007; Banzato & al. 2011; Masin & Scortegagna 2011). Si ringrazia il Dr. Alex Guiggi per la revisione della parte dedicata al genere Opuntia (v. anche Guiggi 2008, 2010).

La guida, disponibile anche per strumenti mobile, è stata concepita come un aiuto per i visitatori del Parco dei Colli Euganei e soprattutto come strumento didattico per le scuole del territorio euganeo.

Essa è stata creata in collaborazione con il Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Trieste e il Dipartimento di Biologia dell’Università di Padova nell’ambito del progetto SiiT (Strumenti interattivi per l’identificazione della biodiversità: un progetto educativo in un’area transfrontaliera), finanziato nell’ambito del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale e dai fondi nazionali.

Bibliografia

Banzato M., Bettella G., Bertani G., Camuffo A., Casarotto N., Dal Lago A., Favaro G., Gruppo di ricerche storico ambientali Il Basilisco, Lasen C., Masin R., Pellegrini B., Pompei S., Scanferla F., Scortegagna S., Tasinazzo S., Tomasi D., Trombin D., Vigato L., Zampieri A., (2010) 2011 – Segnalazioni floristiche venete: 395-460. - Natura Vicentina, 14: 57-87.

Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C., 2005 - An annotated checklist of the Italian Vascular Flora. - Palombi ed., Roma, pp. 420

Antonucci S., Bellio M., Benetti G., Franchin F., Bertani G., Cassanego L., Fantini A., Masin E., Masin M., Masin R., Mazzetti G., Pellegrini B., Ponchia R., Rossi di Schio E., Scortegagna S., Tietto C., Tomasi D., Villani M., Zampieri A., Zilio M., 2007 – Segnalazioni floristiche venete: 263-345. - Natura Vicentina, 11: 159-196.

Guiggi A., 2008 - Catalogo delle Cactaceae naturalizzate in Italia con osservazioni tassonomiche, nomenclaturali e corologiche. - Riv. Piem. St. Nat., 29: 103-140.

Guiggi A., 2010 - Addenda et corrigenda al catalogo delle Cactaceae naturalizzate in Italia. - Riv. Piem. St. Nat., 31: 35-54.

Guiggi A., Tietto C., Masin R., 2007 – Notulae alla checklist della Flora Vascolare Italiana 3(1267-1310): 1283. - Informatore Botanico Italiano, 39(1): 242.

Masin R., Tietto C., 2005 - Flora vascolare della provincia di Padova (Italia nord-orientale) - Natura Vicentina, 9: 7-103.

Masin R., Tietto C., 2005 - Flora dei Colli Euganei e della pianura limitrofa. - SAPI ed., Padova, 120 pp.

Masin R., Scortegagna S., (2011) 2012 - Flora alloctona del Veneto centro-meridionale (province di Padova, Rovigo, Venezia e Vicenza – Veneto- NE Italia). - Natura Vicentina 15: 5-54.

Published in Applicazioni iPhone

Autori: Pier Luigi Nimis, Rizzieri Masin, Corrado Tietto, Sebastiano Andreatta, Antonella Miola, Mariacristina Villani, Stefano Martellos - Foto di Andrea Moro – Sviluppatore: Rodolfo Riccamboni, Divulgando Srl. -

I Colli Euganei ospitano una flora notoriamente ricca e interessante, che ha attirato l’attenzione dei botanici sin dagli albori di questa disciplina. Questa è una guida all’identificazione delle specie legnose (alberi, arbusti e liane) presenti nel comprensorio dei Colli Euganei allo stato spontaneo, sia quelle autoctone sia quelle a carattere avventizio, per un totale di 214 entità. La lista delle piante incluse nella guida si basa sulla prima checklist moderna delle piante vascolari dei Colli Euganei (Masin & Tietto 2005) e sulle sue successive integrazioni (Masin & Tietto 2005; Antonucci & al. 2007; Guiggi & al. 2007; Banzato & al. 2011; Masin & Scortegagna 2011). Si ringrazia il Dr. Alex Guiggi per la revisione della parte dedicata al genere Opuntia (v. anche Guiggi 2008, 2010).

La guida, disponibile anche per strumenti mobile, è stata concepita come un aiuto per i visitatori del Parco dei Colli Euganei e soprattutto come strumento didattico per le scuole del territorio euganeo.

Essa è stata creata in collaborazione con il Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Trieste e il Dipartimento di Biologia dell’Università di Padova nell’ambito del progetto SiiT (Strumenti interattivi per l’identificazione della biodiversità: un progetto educativo in un’area transfrontaliera), finanziato nell’ambito del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale e dai fondi nazionali.

Bibliografia

Banzato M., Bettella G., Bertani G., Camuffo A., Casarotto N., Dal Lago A., Favaro G., Gruppo di ricerche storico ambientali Il Basilisco, Lasen C., Masin R., Pellegrini B., Pompei S., Scanferla F., Scortegagna S., Tasinazzo S., Tomasi D., Trombin D., Vigato L., Zampieri A., (2010) 2011 – Segnalazioni floristiche venete: 395-460. - Natura Vicentina, 14: 57-87.

Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C., 2005 - An annotated checklist of the Italian Vascular Flora. - Palombi ed., Roma, pp. 420

Antonucci S., Bellio M., Benetti G., Franchin F., Bertani G., Cassanego L., Fantini A., Masin E., Masin M., Masin R., Mazzetti G., Pellegrini B., Ponchia R., Rossi di Schio E., Scortegagna S., Tietto C., Tomasi D., Villani M., Zampieri A., Zilio M., 2007 – Segnalazioni floristiche venete: 263-345. - Natura Vicentina, 11: 159-196.

Guiggi A., 2008 - Catalogo delle Cactaceae naturalizzate in Italia con osservazioni tassonomiche, nomenclaturali e corologiche. - Riv. Piem. St. Nat., 29: 103-140.

Guiggi A., 2010 - Addenda et corrigenda al catalogo delle Cactaceae naturalizzate in Italia. - Riv. Piem. St. Nat., 31: 35-54.

Guiggi A., Tietto C., Masin R., 2007 – Notulae alla checklist della Flora Vascolare Italiana 3(1267-1310): 1283. - Informatore Botanico Italiano, 39(1): 242.

Masin R., Tietto C., 2005 - Flora vascolare della provincia di Padova (Italia nord-orientale) - Natura Vicentina, 9: 7-103.

Masin R., Tietto C., 2005 - Flora dei Colli Euganei e della pianura limitrofa. - SAPI ed., Padova, 120 pp.

Masin R., Scortegagna S., (2011) 2012 - Flora alloctona del Veneto centro-meridionale (province di Padova, Rovigo, Venezia e Vicenza – Veneto- NE Italia). - Natura Vicentina 15: 5-54.

Published in Applicazioni Android

Pier Luigi Nimis, Stefano Martellos, Livio Poldini - Foto di: Andrea Moro

Questa è la seconda versione riveduta ed annotata di una guida interattiva alla flora (617 entita') della porzione sommitale del M. Matajur (UD).
Il territorio copre una piccola porzione di un quadrante (nr. 9747) che ricade prevalentemente in territorio sloveno, corrispondente alle parti più elevate del M. Matajur al di sopra di Montemaggiore, ed è facilmente accessibile dal Rifugio G. Pelizzo. Esso comprende il Sito di Interesse Comunitario (SIC) nr. IT3320019.
Il M. Matajur (1650 m) è naturalisticamente il più interessante delle Prealpi Giulie. Ha attratto l'attenzione dei botanici sin dalla fine del '700, quando B. Hacquet (1739-1815) lo visitò più volte, dedicandogli uno studio approfondito (Hacquet, 1785). La flora del Matajur fu poi studiata da Brignoli (1810), Tommasini (1840, 1842) e Minio (1905), in tempi recenti da G. Simonetti, S. Pignatti e soprattutto L. Poldini. La flora del Matajur ospita alcune specie endemiche ed altre molto rare: per ulteriori informazioni si veda Simonetti (2005). Poldini (1991) censiva 428 entità, cresciute a più di 600 undici anni dopo (Poldini, 2002).
La prima versione della guida era stata realizzata anche grazie al significativo contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone.
La suddivisione in Famiglie segue il sistema dell’Angiosperm Phylogeny Group III (2009).

Bibliografia

ANGIOSPERM PHYLOGENY GROUP, 2009 - An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG III. - Bot. J. Linn. Soc. 161(2): 105-121.
BRIGNOLI G., 1810 – Fascicolus rariorum plantarum forojuliensium. Tip. Guerrini, Urbino, 32 pp.
GORTANI L., GORTANI M., 1905-1906 - Flora Friulana con speciale riguardo alla Carnia. Udine.
HACQUET B, 1785 – Physikalisch-politische Reise aus den Dinarischen, durch die Julischen, Carnischen, Rhaetischen und die Norischen Alpen im Jahre 1781 und 1783 – Koelz, Koenigstein.
MINIO M., 1905 – Erborazioni nel bacino medio del Natisone. – N. G. Bot. Ital., 12, 1: 5-52.
NIMIS P.L., MARTELLOS S., 2005 - Guide alla Flora II - Le Guide di Dryades, 3. Serie Flore II. Edizioni Goliardiche, Trieste, 371 pp.
POLDINI L., 1991. Atlante corologico delle piante vascolari nel Friuli-Venezia Giulia. Reg.Aut. Friuli-V.G., Dir. Reg. For. e Parchi, Udine, 900 pp.
POLDINI L. 2002 – Nuovo atlante corologico delle piante vascolari del Friuli Venezia Giulia – Arti Grafiche Friulane, Udine, 529 pp.
TOMMASINI DE M., 1840 – Ausflüge auf die Bergen Sbeunize in Istrien, Matajur und Canin-Alpen, in Görzischen und in Trenta-Thal. – Flora Allgem. Bot. Z., 20,1: 65-79, 2: 81-96.
TOMMASINI DE M., 1842 – Ausflug auf den Berg Matajur in Friaul zur Aufsuchung des Triticum biflorum Brignoli – Flora Allgem. Bot. Z., 25 (2): 609-621, 625-635.
SIMONETTI G., 2005 – Flora del Matajur. – In: AA.VV.: Matajur. In Cammino sul Monte. – Sez. C.A.I. di Cividale, pp. 97-115.

Published in Libri digitali

Autori: Pier Luigi Nimis, Stefano Martellos, Livio Poldini - Foto di: Andrea Moro - Sviluppatore: Rodolfo Riccamboni, Divulgando srl

Questa è la seconda versione riveduta ed annotata di una guida interattiva alla flora (617 entita') della porzione sommitale del M. Matajur (UD).
Il territorio copre una piccola porzione di un quadrante (nr. 9747) che ricade prevalentemente in territorio sloveno, corrispondente alle parti più elevate del M. Matajur al di sopra di Montemaggiore, ed è facilmente accessibile dal Rifugio G. Pelizzo. Esso comprende il Sito di Interesse Comunitario (SIC) nr. IT3320019.
Il M. Matajur (1650 m) è naturalisticamente il più interessante delle Prealpi Giulie. Ha attratto l'attenzione dei botanici sin dalla fine del '700, quando B. Hacquet (1739-1815) lo visitò più volte, dedicandogli uno studio approfondito (Hacquet, 1785). La flora del Matajur fu poi studiata da Brignoli (1810), Tommasini (1840, 1842) e Minio (1905), in tempi recenti da G. Simonetti, S. Pignatti e soprattutto L. Poldini. La flora del Matajur ospita alcune specie endemiche ed altre molto rare: per ulteriori informazioni si veda Simonetti (2005). Poldini (1991) censiva 428 entità, cresciute a più di 600 undici anni dopo (Poldini, 2002).
La prima versione della guida era stata realizzata anche grazie al significativo contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone.
La suddivisione in Famiglie segue il sistema dell’Angiosperm Phylogeny Group III (2009).

Bibliografia

ANGIOSPERM PHYLOGENY GROUP, 2009 - An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG III. - Bot. J. Linn. Soc. 161(2): 105-121.
BRIGNOLI G., 1810 – Fascicolus rariorum plantarum forojuliensium. Tip. Guerrini, Urbino, 32 pp.
GORTANI L., GORTANI M., 1905-1906 - Flora Friulana con speciale riguardo alla Carnia. Udine.
HACQUET B, 1785 – Physikalisch-politische Reise aus den Dinarischen, durch die Julischen, Carnischen, Rhaetischen und die Norischen Alpen im Jahre 1781 und 1783 – Koelz, Koenigstein.
MINIO M., 1905 – Erborazioni nel bacino medio del Natisone. – N. G. Bot. Ital., 12, 1: 5-52.
NIMIS P.L., MARTELLOS S., 2005 - Guide alla Flora II - Le Guide di Dryades, 3. Serie Flore II. Edizioni Goliardiche, Trieste, 371 pp.
POLDINI L., 1991. Atlante corologico delle piante vascolari nel Friuli-Venezia Giulia. Reg.Aut. Friuli-V.G., Dir. Reg. For. e Parchi, Udine, 900 pp.
POLDINI L. 2002 – Nuovo atlante corologico delle piante vascolari del Friuli Venezia Giulia – Arti Grafiche Friulane, Udine, 529 pp.
TOMMASINI DE M., 1840 – Ausflüge auf die Bergen Sbeunize in Istrien, Matajur und Canin-Alpen, in Görzischen und in Trenta-Thal. – Flora Allgem. Bot. Z., 20,1: 65-79, 2: 81-96.
TOMMASINI DE M., 1842 – Ausflug auf den Berg Matajur in Friaul zur Aufsuchung des Triticum biflorum Brignoli – Flora Allgem. Bot. Z., 25 (2): 609-621, 625-635.
SIMONETTI G., 2005 – Flora del Matajur. – In: AA.VV.: Matajur. In Cammino sul Monte. – Sez. C.A.I. di Cividale, pp. 97-115.

Published in Applicazioni iPhone

Pier Luigi Nimis - Foto di Andrea Moro

Il ‘Percorso Vita’ è un corridoio biologico che è stato riqualificato e ricostruito con progetto del 1993 per rivalutare un antico percorso che rappresenta la memoria storica degli anziani di Ceggia. Era questa infatti l’antica passeggiata che dal paese conduceva al Bosco Olmè, relitto dell’antica foresta planiziale, ora sito SIC e ZPS. Esso si snoda lungo l’argine del Canale Bragadin, dall’abitato di Ceggia in corrispondenza della linea ferroviaria fino a raggiungere il Bosco Olmè. Il corridoio biologico si sviluppa su una superficie pari a mq 21281.42, è largo mediamente m 25 per una lunghezza di circa 1210 m. Oltre a costituire percorso di collegamento al Bosco Olmè, l’area è fruibile sotto vari aspetti: la parte iniziale del percorso ben si presta ad essere fruita come giardino pubblico ricreativo con attrezzature da parco giochi per bambini; la parte centrale, essendo dotata di attrezzi ginnici, costituisce un ‘Percorso Vita’ da cui è stata assunta la denominazione oggi utilizzata dai Ciliensi; la parte finale invece è costituita da una fitta vegetazione in cui possono rifugiarsi animali selvatici, costeggiata da uno stretto sentiero che conduce al vicino Bosco Olmè. Le plurime fruizioni di questo percorso verde rappresentano un’area boscata di grande valore per la comunità di Ceggia.

Questa guida interattiva alle piante legnose del percorso è stata realizzata in collaborazione tra il Comune di Ceggia, Assessorato all’Ambiente, ed il Progetto SiiT, coordinato dal Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Trieste, nell’ambito dell’iniziativa ‘Verde Pubblico’, che mira a valorizzare le aree verdi comunali creando strumenti interattivi di facile consultazione per avvicinare i cittadini alla conoscenza della biodiversità e soprattutto per fornire alle scuole uno strumento che permetta loro di utilizzare le aree verdi comunali come veri e propri ‘laboratori all’aperto’ in cui svolgere attività didattiche centrate sull’identificazione delle piante.
Il progetto SiiT (Strumenti interattivi per l’identificazione della biodiversità: un progetto educativo in un’area transfrontaliera) è finanziato nell’ambito del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dai fondi nazionali.
Published in Libri digitali

Pier Luigi Nimis - Foto di Andrea Moro

Nel maggio 2009 l’Amministrazione Comunale di Portogruaro inaugurò l’area verde attrezzata di viale Cadorna denominata ‘Il Bosco dei bimbi - le latifoglie’, di circa 12.700 mq., realizzata allo scopo di fornire alla Città un nuovo spazio a verde da vivere. L’area, di proprietà comunale, era stata infatti oggetto di un progetto di recupero e riqualificazione che aveva previsto la messa a dimora di specie arboree autoctone, la realizzazione di percorsi pedonali e l’installazione di strutture accessorie (giochi, tavoli e panchine), al fine di rendere maggiormente fruibili gli spazi per i cittadini e per i turisti. Inoltre furono piantati 130 alberi, pari al numero dei bambini nati nel Comune di Portogruaro in un determinato periodo di tempo, in quanto il Comune volle dare piena e concreta attuazione a quanto stabilito dalla Legge 29 gennaio 1992 n. 113 che prevede l’obbligo per ogni Comune di porre a dimora un albero per ogni neonato. - L’area si trova tra Via Mons. Tarantino e Viale Cadorna, è suddivisa in quattro spazi da tre fossati lungo i quali si sono nel tempo sviluppate alcune siepi boscate costituite da specie arbustive autoctone ad alto fusto. Il progetto ha previsto la conservazione dei filari campestri preesistenti per preservare gli aspetti naturalistici. La fruibilità dell’area è stata migliorata mediante la realizzazione di percorsi in ghiaino battuto e l’apertura di alcuni varchi lungo i fossati che ampliano l’intercomunicabilità tra i lotti. Il primo e più ampio dei quattro spazi ha una connotazione di area attrezzata a pic nic per permettere la sosta a turisti ma anche per l’utilizzo da parte degli stessi cittadini di Portogruaro in occasione di manifestazioni organizzate.
Questa guida interattiva alle piante legnose del parco è stata realizzata in collaborazione tra il Comune di Portogruaro ed il Progetto SiiT, coordinato dal Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Trieste, nell’ambito dell’iniziativa ‘Verde Pubblico’, che mira a valorizzare le aree verdi comunali creando strumenti interattivi di facile consultazione per avvicinare i cittadini alla conoscenza della ‘foresta urbana’ e soprattutto per fornire aalle scuole uno strumento che permetta loro di utilizzare le aree verdi comunali come veri e propri ‘laboratori all’aperto’ in cui svolgere attività didattiche centrate sull’identificazione delle piante.
Il progetto SiiT (Strumenti interattivi per l’identificazione della biodiversità: un progetto educativo in un’area transfrontaliera) è finanziato nell’ambito del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dai fondi nazionali.
Published in Libri digitali

Autori: Pier Luigi Nimis, Stefano Martellos, Paolo Donati - Foto di Andrea Moro -

Il parco Villa Ghigi è uno dei più ampi e gradevoli spazi verdi pubblici della città di Bologna. Si estende per una trentina di ettari fuori Porta San Mamolo, in un’appartata valletta non lontana dal centro ma già inserita in un ambiente collinare di grande suggestione, a breve distanza da edifici di notevolissimo interesse storico come l’Eremo di Ronzano, il Convento dell’Osservanza e Villa Aldini. Nel nome ricorda gli ultimi proprietari privati e in particolare lo zoologo Alessandro Ghigi (1875-1970), personaggio di spicco del mondo accademico bolognese e antesignano della protezione della natura in Italia. Nel parco, aperto al pubblico nel 1975, sono ancora ben riconoscibili i vecchi appezzamenti della tenuta, segnati da filari di alberi da frutto, ai quali fanno da cornice lembi di querceto, pioppi e ontani lungo il rio e un boschetto ornamentale nei pressi della villa, un edificio di aspetto ottocentesco ma di origine quasi certamente cinquecentesca oggi purtroppo in abbandono. Nel notevole patrimonio botanico, che offre una bella rassegna delle specie spontanee della collina, risaltano diverse monumentali roverelle, alcuni grandi esemplari arborei esotici e un gruppo di faggi piantato a fine Ottocento. In uno degli edifici colonici del parco ha sede la Fondazione Villa Ghigi, un Centro di Educazione Ambientale che da trent’anni svolge un’intensa attività educativa, divulgativa, culturale e tecnica rivolta a scuole, cittadini e amministrazioni.
Questa guida alle piante legnose del parco Villa Ghigi è stata realizzata in collaborazione con il Progetto Europeo KeyToNature, coordinato dall’Università di Trieste. La lista delle piante arboree, arbustive e lianose presenti nell’area verde deriva da un censimento svolto dalla Fondazione alcuni anni fa e tenuto regolarmente aggiornato.

Published in Libri digitali

Autori: Pier Luigi Nimis, Stefano Martellos, Andrea Truzzi - Foto di Andrea Moro –

Il parco ornamentale dell’Istituto Tecnico Agrario “P. A. Strozzi”di Palidano di Gonzaga (MN) è situato sul retro dell’antica Villa Strozzi che dal 1952 è sede della scuola. La sua estensione è di circa 30 000 metri quadrati per la parte storica ottocentesca e di altri 19 000 metri quadrati per impianti effettuati nell’ultimo ventennio del Novecento. L’attuale parco storico ha un impianto generale che risale all’Ottocento secondo i canoni stilistici del parco all’inglese. E’ probabile che la trasformazione del giardino all’italiana preesistente in parco informale risalga agli anni del restauro generale dell’edificio terminato nel 1824, come attesta una data inscritta in un cartiglio all’interno della villa, voluto dal marchese Luigi Strozzi che vi dimorava stabilmente.
Il parco, di superficie apprezzabile , gestito con tecniche di giardinaggio non troppo impattanti, si è arricchito nel tempo della florula dei campi, dei fossi e delle siepi, scacciata dalle moderne tecniche agro-industriali di coltivazione dei seminativi e ridotta nella sua biodiversità dalla semplificazione dell’agroecosistema. Tutto il complesso appare da lontano come un’isola verde, circondato dai prati di foraggere e dai seminativi, che hanno in gran parte perso la rete di siepi, piantate e rivali, ricchissima fino agli anni ’50 del Novecento, e che funzionava sia da habitat sia da corridoio ecologico per fauna e flora, collegando questo parco ornamentale con altri simili, ma più piccoli, che si trovano nel raggio di alcuni chilometri. Dal momento che in questa scuola d’Agraria si impartiscono ancora insegnamenti relativi alla Botanica, alla Patologia Vegetale e all’Entomologia Agraria, il parco diventa un eccezionale laboratorio vivente all’aperto, una palestra in cui impratichirsi nell’osservazione diretta di piante, malattie e insetti, superando così lo studio libresco e teorico, spesso noioso per molti giovani d’oggi e che difficilmente li motiva e cattura la loro attenzione. E’ risaputo che lo stupore dinanzi ai fatti naturali e l’esperienza diretta sono le chiavi migliori per arrivare a una vera conoscenza, costituita da una rete stabile di informazioni e concetti integrati tra di loro. Questa chiave interattiva, disponibile su palmare, vuole pertanto essere un importante e innovativo strumento per entrare e riconoscere alcuni degli abitanti di questo museo en plein air , fatto non di piante secche, insetti spillati e uccelli impagliati, ma di fiori dai delicati colori acquerello, di rami che si protendono al cielo azzurro, di foglie dalle cento tonalità di verde, insomma una vera chiave per aprire la porta principale del grande edificio della natura.

Published in Libri digitali

Autori: Pier Luigi Nimis, Stefano Martellos, Giovanna Barbieri, Daniele Dallai, Eleonora Pettinà -

Foto di Andrea Moro -

L’Orto Botanico universitario di Modena, ubicato nel centro storico cittadino come parte dell’antico Giardino ducale Estense, svolge da oltre un ventennio una intensa azione di didattica e divulgazione scientifica botanica extrauniversitaria, rivolta principalmente al mondo della scuola, con lo scopo di rafforzare nei giovani la consapevolezza che le piante, e l’ambiente in generale, sono patrimonio di tutti e valore irrinunciabile per il futuro. Alla base dell’offerta formativa dell’Orto Botanico di Modena ci sono alcuni principi chiave: divulgazione scientificamente corretta, ma non pedante e gradevole; scelta di argomenti che rispondano a quanto previsto dai programmi scolastici; flessibilità dell’offerta didattica. Il metodo privilegia l’apprendimento significativo, interattivo e per scoperta, favorendo nei ragazzi una costruzione autonoma ed attiva delle conoscenze che vengono integrate con quelle preesistenti. Per rispondere alle esigenze manifestate dagli insegnanti e per rendere le visite all’Orto più interessanti sono state elaborate e sperimentate alcune proposte didattiche che affrontano temi specifici inerenti la botanica, differenziandole e adeguandole in base al target scolastico e favorendo la creazione di situazioni di apprendimento coinvolgenti, grazie anche alla prevalenza dell’interattività.
Questa guida, prodotta in collaborazione con il progetto europeo KeyToNature - coordinato dall’Università di Trieste - è un importante strumento propedeutico all’itinerario ‘Riconoscere gli Alberi’.
L’itinerario ‘Riconoscere gli alberi’, rivolto sia alla scuola primaria che alla scuola secondaria di I grado, è un percorso-laboratorio che si prefigge di insegnare ai ragazzi a riconoscere gli alberi ‘personalmente’, soprattutto attraverso l'osservazione attenta delle foglie. Per verificare quanto appreso, il lavoro si conclude con un'attività ludico-didattica di riconoscimento, una sfida vera e propria per vedere chi per primo riesce a riconoscere, attraverso la chiave interattiva, specie di alberi ed arbusti rappresentati nell’Orto Botanico da esemplari viventi o anche, in alcuni casi, da reperti d’erbario o da altre collezioni museali. L’obiettivo è proporre, anche al di fuori degli ambiti accademici e in modo attuale e divertente, le collezioni dell’Orto Botanico di Modena come chiave di lettura per il verde in città e nel territorio circostante.

Published in Libri digitali
Pagina 1 di 6

Novità

Partner / Projektni partnerji

Università di Trieste, Dip. di Scienze della Vita (Lead Partner), Prirodoslovni Muzej Slovenije, Ljubljana, Univerza na Primorskem -Università del Litorale  Koper/Capodistria, Università di Padova, Dip. di Biologia, Zavod Republike Slovenije za šolstvo Ljubljana, Comune di San Dorligo della Valle - Občina Dolina, Consorzio del Parco Regionale del Delta del Po Emilia Romagna, Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente del Friuli Venezia Giulia (ARPA - FVG), Gruppo di Azione Locale Venezia Orientale (GAL Venezia Orientale - VEGAL), Triglavski Narodni Park, Univerza v Novi Gorici

 

Progetto Strumenti interattivi per l’identificazione della biodiversità: un progetto educativo in un’area transfrontaliera (SiiT): finanziato nell’ambito del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dai fondi nazionali.

Projekt Interaktivna določevalna orodja za šole (SIIT): spoznavanje biotske pestrosti na čezmejnem območju sofinancirana v okviru Programa čezmejnega sodelovanja Slovenija-Italija 2007-2013 iz sredstev Evropskega sklada za regionalni razvoj in nacionalnih sredstev.



© Copyright 2011 SiiT.
All rights reseverd.